La scatola misteriosa

Se avete fatto almeno una volta nella vita un trasloco, capirete la mia piccola gioia di oggi!
Nel corso degli ultimi anni ho fatto tre traslochi in quattro anni: ho cambiato casa con la mia famiglia, sono andata a vivere da sola e infine ho preso la casa col mio fidanzato, ora marito.
L’emozione di cambiare casa che ti fa pensare di poter dare un colpo di spugna a quel che è stato e ricominciare tutto (ma de che?!), si accompagna spesso a quella piccola tristezza di aver perso qualcosa. E non parlo solo di lasciare la casa della tua infanzia e la tua cameretta di bambina, ma parlo di quegli oggetti che si smaterializzano magicamente tra una casa e l’altra e che pensi persi per sempre.
Per questo stamattina, quando mio papà mi ha dato quella scatola di latta, ho avuto un momento di pura gioia! Non conteneva gioielli o chissà quali tesori, solamente – rullo di tamburi – la mia collezione di sottobicchieri!
Raccolti in giro per tutta Europa, sottratti dai più sconosciuti pub come se stessi rubando chissà quale tesoro – almeno io mi sentivo così quando mettevo in borsa il sottobicchiere… non vi dico quando decisi di cominciare a portarmi via i bicchieri con i marchi delle birre e mi sentivo una rapinatrice di banche ed ecco perché la collezione di bicchieri si è fermata a quota uno!
Rivederli mi ha fatto fare un immediato salto indietro nel tempo. Soprattutto pensavo di averli lasciati chissà dove! Come ci saranno finiti nel sotto tetto della casa dei miei?
E voi, avete mai perso e ritrovato qualcosa che per voi ha un valore assoluto? Una sciocchezza magari, come i miei sottobicchieri ma che vi ha dato quel momento di felicità e ricordo che proprio non vi aspettavate?

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Chiudi il menu